XML Serializer Generator Tool

La serializzazione XML in .NET è una operazione onerosa in termini di risorse di sistema a causa della creazione a runtime di un assembly temporaneo contenente funzionalità fortemente tipizzate di “reader” e “writer” del tipo da serializzare, le quali comportano un utilizzo intensivo di CodeDom e Reflection. Osservando con il tool Reflector il codice del costruttore della classe XmlSerializer (comprendente vari overloads) è possibile notare tutto ciò unito all’utilizzo del meccanismo di caching dell’assembly temporaneo creato (sembra però che non tutti gli overloads del costruttore facciano uso della cache con conseguente creazione dell’assembly ad ogni utilizzo). Questo meccanismo è poco performante sia a causa dell’utilizzo delle classi di CodeDom e Reflection, sia per il rischio di creare più assembly temporanei in funzione del numero di classi da serializzare, che resterebbero in memoria fino allo scaricamento del relativo AppDomain o fino a che non termina il processo. Tutto ciò si riflette negativamente soprattutto sulle applicazioni lato server, ed a lungo andare potrebbe provocare eccezioni fatali, es. una OutOfMemoryException. Per ovviare a questo inconveniente il .NET Framework mette a disposizione il tool a riga di comando SGEN (XML Serializer Generator Tool), il quale, lanciato sull’assembly che contiene i tipi da serializzare, genera un nuovo assembly contenente lo stesso codice che verrebbe generato a runtime con la creazione dell’assembly temporaneo. In definitiva è anticipata la creazione dell’assembly, in questo caso non più temporaneo ma definitivo, poichè basta aggiungere un riferimento ad esso, evitando quindi l’overhead della sua creazione a runtime ed eliminando il rischio di crescita incontrollata delle dimensioni dell’AppDomain.

Tra le opzioni del comando SGEN:

-/compiler permette di aggiungere qualsiasi opzione da passare al compilatore C#. Utile per firmare con strong name l’assembly da generare.

-/keep permette di eliminare la cancellazione dei files sorgenti dell’assembly generato. In altre parole lascia i files sorgenti a disposizione dello sviluppatore

-/proxytypes genera il codice di serializzazione solo per i tipi proxy di un XML Web Service

-/reference permette di specificare eventuali assembly referenziati dalle classi oggetto di serializzazione

-/type permette di filtrare i tipi da serializzare che si vogliono includere nell’assembly da generare

Il comando crea un assembly dal nome <proprio assembly>.XlmSerializers.dll che è possibile aggiungere come riferimento alla propria applicazione.

Naturalmente qualsiasi aggiunta/cancellazione/modifica ai membri pubblici della classe da serializzare necessiterà della ricreazione dell’assembly attraverso il comando SGEN (la serializzazione XML serializza solo i campi pubblici di una classe, a differenza della serializzazione standard, binaria o SOAP,  che invece serializza anche i campi privati).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *